Caricamento Eventi

Prodotto ludico della più classica cultura contadina, la manifestazione, che si svolge la sera del giovedì che precede la prima domenica d’agosto nella frazione di Rigali. La corsa si disputa lungo un percorso in ripida ascesa, dal centro del paese alla chiesa parrocchiale, dove gruppi di venti concorrenti spingono una grossa botte di legno di rovere massiccio della capienza di sei quintali. L’origine sembrerebbe collocarsi in un periodo di massima coltura della vite e raccolta di vino (il territorio era considerato un buon produttore già nel XVI secolo), anche se la prima notizia della corsa intesa come divertimento popolare risale al 1803. Essa, probabilmente, si richiama alle buone abitudini contadine secondo le quali la conclusione dei vari cicli produttivi, era occasione di festa tra le famiglie che si sfidavano con gli “attrezzi del mestiere”.
La manifestazione, di recente rievocazione, raggiunge toni di elevata suggestività per il grande sforzo a cui sono richiamati i concorrenti, costretti a coprire nel minor tempo possibile il tratto di 400 metri che divide la linea di partenza da quella d’arrivo. Non esiste una suddivisione del paese in rioni, la manifestazione è aperta a tutti i gruppi che intendono cimentarsi in questa particolare esperienza, per la quale il comitato promotore mette in palio una tonnellata di vino.

 

Foto Leandro Piratoni